Come prevenire / intercettare l'installazione di un rootkit

Fra i metodi per difendersi dall'installazione sul proprio sistema di un rootkit ci sono:
- Innanzitutto impedire che un utente possa bucare il proprio sistema utilizzando security bug noti sui servizi in produzione, quindi mantenere il proprio sistema protetto e aggiornato;
- Utilizzare tool come TRIPWIRE che eseguono un check costante dell'integrità dei file di sistema;
- Utilizzare, su macchine in produzione, un kernel monolitico non modulare, che renderebbe impossibile l'installazione di un rootkit basato su un modulo del kernel (non basta con rootkit dell'ultima generazione che si basano su /dev/kmem);
- Utilizzare strumenti come LIDS che limitano permessi e accesso alle risorse del sistema a livello di singoli processi (se ben configurato LIDS appare come la soluzione estrema e più efficace);
- Usare un demone come RKDET, che si accorge quando un interfaccia di rete entra in promiscous mode e invia mail, disattiva il networking o esegue altre operazioni di conseguenza;
- Garantirsi l'integrità dei log: stampandoli direttamente su carta o inviandoli ad un syslog server remoto (protetto);
- Avere un sistema che non può montare in write mode le directory /sbin, /usr/sbin, /bin e /usr/bin, impedendo che i comandi ivi contenuti possano essere modificati. Contestualmente è necessario verificare che la $PATH della shell non venga modificata.