/etc/inetd.conf

E' il file di configurazione del superdemone Inetd.
Qui si configurano quali servizi e relative porte vengono resi disponibili sul sistema.
Ogni riga di /etc/inetd.conf corrisponde ad un servizio che viene gestito da inetd.
Se commentata con un # il servizio non viene avviato e inetd non mette la relativa porta in listening.

Il formato di ogni riga :
service type protocol wait user server argument
Un esempio di una riga tipica :
ftp stream tcp nowait root /usr/sbin/in.ftpd -l
Se si vogliono utilizzare i tcpwrapper per limitare l'accesso al servizio la riga sopra diventa:
ftp stream tcp nowait root /usr/sbin/tcpd in.ftpd -l
Vediamo nei dettagli le varie voci:
service E' il nome del servizio a cui si riferisce la riga di inetd.conf. La porta a cui associato viene ottenuta dal file /etc/services. Di default inetd.conf prevede vari servizi. Alcuni sono attivati, altri commentati. Tipicamente gli unici che si dovrebbero lasciare attivati (se serve) sono ftp e telnet o ssh (se si decide di non far partire il server ssh autnonomamente).
type Specifica il tipo di socket usata per il protocollo indicato. Pu essere: stream, dgram, sunrpc_tcp, sunrpc_udp.
protocol Indica il tipo di protocollo: tcp o udp. Si basa sul file /etc/protocols
wait Indica se aspettare o no che il server invocato rilasci la socket prima di rimettersi in listening sulla relativa porta
user L'utente con cui viene lanciato il server. Inetd di suo viene eseguito come root.
server Il path completo del programma da eseguire per gestire la connessione per il servizio specificato
argument Gli argomenti da passare al comando di server lanciato.

Privacy Policy