Installare, configurare ed utilizzare Nessus

Nessus Ŕ probabilmente il pi¨ completo ed evoluto strumento di vulnerability scanning disponibile nel mondo open source.
Presenta una struttura modulare, con dei plug-in che possono essere aggiornati per individuare vulnerabilitÓ recenti, ha una logica client-server, in cui il server Ŕ l'engine che esegue lo scan vero e proprio e il client Ŕ l'interfaccia (disponibile in diversi linguaggi per diversi sistemi operativi) con cui si pu˛ configurare una sessione di scan (indirizzi target, tipi di check da eseguire ecc.) da far eseguire sul server.

INSTALLAZIONE
L'installazione di Nessus pu˛ essere fatta tramite sorgenti (necessari i seguenti tarball, nell'ordine: nessus-libraries-x.x.tar.gz, libnasl-x.x.tar.gz, nessus-core.x.x.tar.gz, nessus-plugins.x.x.tar.gz) o RPM/DEB.
Esiste anche la comodissima, semplicissima e rischiosa possibilitÓ di eseguire una installazione direttamente via rete con lynx -source http://install.nessus.org | sh che provvede automaticamente a scaricare e compilare il tutto.
I prerequisiti di Nessus sono: disponibilitÓ di GTK (in particolare il package gtk-devel che contiene per il programma gtk-config) per il client su Xwindows, disponibilitÓ di NMAP per le operazioni di scanning, possibilmente presenza di OPENSSL per criptare le comunicazioni fra client e server.
A termine installazione ricordarsi di aggiungere /usr/local/bin e /usr/local/sbin al proprio PATH.

CREAZIONE DEGLI ACCOUNT UTENTE
Per poter eseguire uno scan tramite il server nessus, il client (il front-end disponibile all'utente) deve eseguire un login sulla base di un nome utente/password precedentemente creato.
Per aggiungere nuovi utenti sul server nessus si deve usare il comando nessus-adduser.
Vengono richiesti: login, password, tipo di autenticazione (normale o criptata), regole sugli IP che possono essere scannati dall'utente (lasciare vuoto per non impostare alcuna regola).

CONFIGURAZIONE DEL SERVER NESSUS
Il file di configurazione del demone nessus Ŕ di default /usr/local/etc/nessus/nessus.conf. Non sono necessarie particolari modifiche per far funzionare un Nessus compilato con le opzioni di default, in ogni caso fra i parametri configurabili, oltre a PATH vari, ci sono alcune impostazioni sul numero di test simultanei da eseguire, sul range di porte da scannare nonchŔ sui settaggi utilizzati per il canale criptato fra client e server.

AGGIORNAMENTO DEI PLUGIN
I check eseguiti da Nessus si basano su dei plugin, scrivibili in linguaggi diversi, che vengono regolarmente aggiornati sulla base delle scoperte di nuove vulnerabilitÓ. E' disponibile una comoda utility per aggiornare automaticamente i plugin di nessus:
nessus-update-plugins -v visualizza e scarica gli ultimi aggiornamenti dei plugin di Nessus.

CREAZIONE DEI CERTIFICATI SSL
Prima di poter lanciare nessusd Ŕ consigliabile creare i certificati SSL necessari per criptare il traffico client-server.
Eseguire: nessus-mkcert e rispondere alle domande fatte.

ESECUZIONE DEL SERVER
Il server di Nessus pu˛ essere finalmente lanciato con nessusd -D, il programma si binda alla porta tcp 1241 ed Ŕ pronto per accettare richieste dal client.

ESECUZIONE DEL CLIENT
Lanciare il programma nessus che apre un tool grafico con cui interagire con il server nessus (che pu˛ essere sulla stessa macchina o sua una macchina remota).
Nella finestra che compare Ŕ innanzitutto necessario eseguire il login dalla finestra NESSUSD HOST (selezionare pure l'opzione di default su come gestire il certificato SSL).
Nella finestra PLUGINS selezionare quali security check eseguire. E' possibile selezionarli tutti tranne, o anche escludere quelli potenzialmente pericolosi, in grado di mandare in crash l'host selezionato.
Nella finestra PREFS si pu˛ fare un po' di tuning sulle tecniche di scanning da utilizzare, Ŕ possibile provare sistemi di evasione per non essere individuati da IDS vari o impostare brute force attacks basati su file di dizionari esterni.
Su SCAN OPTIONS si imposta il range di porte e altri parametri configurabili anche nel file di configurazione generale.
Nella finestra TARGET SELECTION si sceglie l'indirizzo IP o il nome dell'host da esaminare (se ne possono impostare pi¨ di uno separandoli con una virgola o si pu˛ definire una network tipo 10.0.0.0/24).
Per lanciare lo scan cliccare su START THE SCAN e aspettare il report sulle vulnerabilitÓ note (da Nessus) presenti sul target selezionato.

Considerare che:
- Nessus non Ŕ stato pensato come tool per wannabe cracker
- Nonostante le tecniche di evasione utilizzate Ŕ probabile che un simile scan venga notato e registrato in qualche log sugli host target (l'IP registrato Ŕ quello del server, l'host su cui gira il demone Nessus)
- Alcune segnalazione di warning o alert si basano o su assunzioni relativamente paranoiche o su condizioni che di fatto  non esistono sul server interessato ("falsi positivi")
- Studiare i report di Nessus e le descrizioni sui buchi trovati Ŕ un buon metodo per iniziale a familiarizzare con il mondo variegato dei "Security Alert", che spesso oltre a descrivere il buco trovato, indicano le soluzioni su come correggerlo.
- E' bene abituarsi a lanciare regolarmente un Nessus con i plugin aggiornati sui propri server.

Privacy Policy