Lo Spam e le black list (RBL)

Quasi tutti sono d'accordo sul fatto che lo SPAM (invio su larga scala di mail non richieste) sia un distrubo, per non dire una piaga, di cui si può volentieri fare a meno e da cui ci si deve difendere.
Tecnicamente è possibile inviare spam utilizzando un qualsiasi server SMTP in rete, che per intrinseca natura permette il RELAY, cioè la possibilità di essere utilizzato per inviare posta, ai suoi client.

I problemi da affrontare, per gli amministratori di un server di posta sono di molteplice natura:
1- Impedire che il proprio server sia utilizzato per inviare spam in rete;
2- Limitare e filtrare il più possibile le mail di spam destinate agli utenti locali;
3- Evitare che il proprio server sia inserito in Black List contenenti indirizzi di server usati per spam di

1- Tipicamente un server di posta viene configurato per permettere il relay sono a client di indirizzi IP o domini specifici o a quelli che si autenticano in qualche modo.
Il problema quindi può venire da qualsiasi utente che è autorizzato ad usare il server e ne abusa consapevolmente, perchè lui è lo spammer, o senza saperlo, perchè vittima di qualcuno o qualcosa che abusa del suo computer.
Questo vale anche e soprattutto per server in rete, anche con tutt'altre funzioni, nel momento in cui vengono violati da un cracker che si mette ad utilizzarli per spammare ferocemente.

A questo proposito buona pratica è:
- Verificare che il proprio server di posta non abbia relay aperti a indirizzi che non siano autorizzati, controllati e considerati fidati (tramite siti web o servizi in rete dedicati, o verifiche da indirizzi arbitrari). Evitare di fare controlli basati su nomi di dominio (manipolabili) e farli solo sulla base degli indirizzi IP sorgenti.
- Limitare sul server il numero massimo di mail che un client può inviare in un dato lasso di tempo. Facendo attenzione a casi in cui l'invio di grandi quantità di messaggi è legittimo (mailing list, newsletter ecc).
- Monitorare le attività di invio di mail, possibilmente con statistiche visuali, che possano velocemente mostrare se ci sono comportamenti anomali ed eccessivi volumi di messaggi.
- Impedire, ovviamente, che qualcuno violi uno dei propri server e lo utilizzi abusivamente per spammare.

2- Le attività volte a limitare l'arrivo di eccessivo spam sulle caselle di posta locali sono altrettanto necessarie.
I metodi di difesa sono vari, il più comodo e diffuso è quello di appoggiarsi ad una o più RBL, black list, mantenute da organizzazioni o società, che contengono elenchi di indirizzi che sono stati utilizzati per l'invio di spam in passato o che si basano su principi diversi (relay aperti, indirizzi IP assegnati a dialup, socks proxy aperti...).
In questo senso considerare che:
- Ci sono diversi metodi per eseguire un controllo su queste liste di indirizzi. Quello più comune è di appoggiarsi ad un server dns che comunica al server di posta se un indirizzo è nella sua black list (DNSBL).  
- Non esagerare nell'implementare troppi DNSBL sullo stesso server di posta, soprattutto se questi gestisce grossi volumi: comportano ciascuno una query DNS esterna per ogni messaggio in arrivo.
- Fare attenzione alle Black List che si utilizzano, alcune sono troppo restrittive e limitano la possibilità di ricevere posta da troppi server smtp legittimi: nessuno vuole lo spam, ma molti non sono disposti a perdere mail potenzialmente importanti per difendersene.
- Su server di posta eseguire un controllo sul reverse degli IP da cui arrivano i messaggi. E' una misura che può essere pericolosa (creando falsi negativi e respingendo mail validi da server con DNS misconfigurato) e tuttosommato facilmente bypassabile da chi invece vuole veramente fare spam, per cui va valutata con estrema prudenza.
- Tenere sotto controllo cosa viene regolarmente rifiutato, farsi un'idea dei flussi di posta, sia per capire quanto possano essere efficaci i filtri implementati sia per cercare di verificare se generano falsi negativi.
- Per valutare quali RBL possono fare al proprio caso, verificare le statistiche che si trovano in rete.
Una piuttosto interessante è quella di OpenRBL, che da un'idea di quali RBL sono più aggressive: http://openrbl.org/stats.htm

3- Le stesse black list che si utilizzano per bloccare l'arrivo di posta indesiderata si possono rivelare un'arma a doppio taglio nel momento in cui un PROPRIO server di posta si ritrova su di esse.
Questo può capitare per vari motivi ma di fatto è un problema perchè impedisce al server di offrire un servizio completo ai suoi client, avendo altri server in rete, che utilizzano le black list in cui si è incappati, che rifiutano di accettare la posta, anche legittima, dei propri utenti.
Generalmente tutte le black list permettono di rimuovere un indirizzo, dopo che è dimostrato che non ha più relay aperti e non può essere utilizzato di nuovo per inviare spam. Il problema è che le black list sono molte e che non sempre sono rapide nell'aggiornare i propri database.
Si consiglia di verificare regolarmente gli indirizzi dei propri server di posta su siti che permettono ricerche multiple su diverse liste. Fra questi segnaliamo OpenRBL e DRBcheck