postqueue

Mentre postsuper effettua operazioni di carattere amministrativo sui file delle code in Postfix, all'utente finale viene fornito uno strumento per agire sui propri file di posta. In se implementa operazioni che tradizionalmente sono disponibili con il comando sendmail di Postfix. Questo comando Ŕ ideato per essere set-group ID (SGID) di modo che possa comunicare con i processi appartenenti ai demoni interni al sistema di posta.

La sua sintassi
postqueue [-c directory_file_conf] [-f][-p] [-s sito] [-v]

Le opzioni sono poche
-c directory_file_conf: Specifica la directory dove si trova il file di configurazione. A dimostrazione dell'attenzione prestata alla sicurezza per evitare che un utente smaliziato sia in grado di usare il set-group ID per i propri discutibili motivi, non si pu˛ in realtÓ specificare una directory arbitraria. Una directory arbitraria e concessa solo se se elencata nel file main.cf con il parametro alternate_config_directories oppure se il comando Ŕ lanciato dall'super-utente root.
-f: Pulisce la coda. In sostanza tenta l'inoltro di tutta la posta in coda.
-p: Produce una lista dei file nelle code. Usa uno stile alla "sendmail".
Per ogni file in coda mostra l'ID, la misura del messaggio, l'orario di arrivo, chi lo ha inviato e i recapiti a cui va inoltrato. Se la posta in questione non Ŕ stata inoltrata per qualche motivo mostra la ragione di questo fallimento. L'ID di un messaggio a volte viene mostrato seguito da un carattere speciale.
Se si trova un asterisco "*" il messaggio si trova nella coda active e sta per essere inoltrato.
Se invece Ŕ presente un simbolo "!" il messaggio si trova nella coda holde non sarÓ inoltrato finchŔ l'amministratore non lo rilascierÓ.
-s sito: Con questa opzione si stabilisce l'inoltro di tutta la posta in coda per il dominio specificato. Di norma sono ammessi tutti i domini per cui Postfix Ŕ abilitato come relay-server o quelli presenti nel parametro di configurazione fast_flush_domains.
-v: Opzione per avere maggiori informazioni sullo stato dei processi messi in atto dal comando. Se usato pi¨ volte abilita ulteriori informazioni. Da intendersi per l'uso in casi di debugging.

Privacy Policy