VPND, Virtual Private Network Daemon

Vpnd è una alternativa relativamente semplice e piuttosto funzionale per realizzare VPN interamente basate su Linux (e altri Unix). I dati tra le due reti remote vengono criptati, dai gateway dove gira il demone VPND con l'algoritmo Blowfish, dopo uno scambio manuale preventivo di chiavi.
Necessita delle libreirie zlip e del supporto SLIP sul kernel per funzionare.

INSTALLAZIONE
Prima di installare verificare che il kernel supporti l'interfaccia SLIP (Serial Line Internet Protocol), che viene utilizzata da vpnd per effettuare la connessione tramite linea seriale (modem) o IP.
Decompressi i sorgenti lanciare i soliti configure/make:
[email protected]:/usr/src/vpnd#./configure
[email protected]:/usr/src/vpnd# make
gcc -DCOMPRESS -DLINUX -DLINUX2 -Wall -O3 -fno-inline  -DCRYPTOX86 -DMD5_HMAC_FAST -DSHA1_HMAC_FAST -DRMD160_HMAC_FAST   -c -o vpnd.o vpnd.c
.....


CONFIGURAZIONE
Il file di configurazione di Vpnd è di default  /etc/vpnd.conf, nel caso si usi il modem per effettuare la  VPN è necessario configurare anche il file di inizializzazione della connessione vpnd.chat.

In aggiunta anche un file contente la "key" di codifica dei dati, che può essere vpnd.key nel caso si abbia scelto il formato base (con il comando ./vpnd -m), vpnd.lcl.key o vpnd.rmt.key
nel caso del formato esteso (cioè una key sul server e una key sul client remoto con il comando ./vpnd -x dir/key/).
In entrambi i casi la key di codifica deve essere copiata nella macchina client attraverso, ovviamente una modalità sicura (es: scp) prima di poter stabilire il tunnel.
Effettuare la stessa procedura di installazione per la macchina Linux all'altro capo della VPN.

GESTIONE
Si può lanciare il demone con il comando vpnd oppure aggiungendo le seguenti opzioni:
vpnd -f /dir/vpnd.conf utilizza un file di configurazione con path diverso dallo standard(/etc/vpnd.conf)
vpnd -n forza vpnd a non diventare un demone

Privacy Policy